Estate in missione

La nostra Diocesi ha la ricchezza di vivere da anni il suo apostolato anche in altri paesi e offre la possibilità di viverlo ai giovani durante il periodo estivo per qualche settimana. Per i giovani il Centro Missionario Diocesano propone ogni anno sia campi missionari estivi (brevi, ma pur sempre significativi), che esperienze di servizio più lunghe, che vanno da un minimo di 6/9 mesi ad un massimo anche di qualche anno.

I Campi estivi missionari, iniziativa denominata “Estate in Missione”, vengono proposti dal Centro Missionario insieme a: Frati CappucciniGruppo Missionario di NovellaraServi di Maria, Servi della ChiesaGruppo Rwanda Padre TizianoSud chiama Nord.

Solitamente l’Estate in Missione viene presentata un sabato mattina a inizio febbraio, con tutte le proposte di viaggio. La data viene comunicata per tempo. Ogni campo estivo prevede un periodo di formazione proposto dall’Ente che l’organizza, in modo da prepararsi a vivere l’esperienza in missione.

OPUSCOLO ESTATE IN MISSIONE

Sei interessato a contattarci?
Per info e dettagli:

Sei un catechista o
un educatore?

Scopri i percorsi dedicati ai formatori!


formazione-icone

Hai tra 19 e 30 anni?

Le occasioni di formazione nella nostra diocesi sono moltissime

Cosa vai cercando?

News

prevenzione-covid-19

Sono disponibili in formato digitale i documenti e le linee guida protocollari diocesani per poter ripensare e riprendere le attività pastorali di ogni genere.

ISRAELE-giovani-2020-thumbnail

Il pellegrinaggio è proposto ai giovani dai 19 ai 30 anni. Dal deserto del Negheb ripercorreremo le tappe fondamentali della storia della salvezza, risalendo dal sud fino alla Galilea, per poi scendere di nuovo fino a Gerusalemme. Dalle tenebre alla luce, dalla schiavitù alla liberazione, verso l'incontro col Cristo Risorto. Terra, Parola, Popolo: l'intreccio di questi tre ingredienti genera un...

IMG-20190413-WA0013

Se mi avessero detto prima dell’estate scorsa che nel cammino è possibile entrare in una logica di affidamento, non ci avrei creduto. Dopo il pellegrinaggio a piedi, verso Roma, fatto con i giovani della mia parrocchia, posso testimoniare la ricchezza del “mettersi in cammino”, condividendo la quotidianità, con i propri amici. Perché è stato importante riscoprirsi pellegrini? Bhe sicuramente perché...