Una rubrica di racconti,
incontri e viaggi.

ULTIME NEWS

ULTIME NEWS

Iscrizioni attive 2020/2021

In questa pagina trovi tutte le iscrizioni aperte in questo momento.

Iscriviti qui!

Non è costui il carpentiere?

Scopri la Bottega di Nazareth

Gesù ha salvato il mondo proprio abitando l’ordinario di Nazareth, in una vita così semplice e umana da non esserci “nulla da raccontare”.
Entriamo tutti nella Bottega di Nazareth, dove si costruisce l’umano e dove idealmente sono raccolti, per lasciarsi ispirare da questo mistero affascinante, tutti i progetti educativi diocesani che riguardano la fascia 0-30 anni della Chiesa di Reggio Emilia e Guastalla.

Scopri di più

PREVENZIONE COVID_19

Protocollo, linee guida e modulistica per attività pastorali.

SCOPRI DI PIÙ

Proposte formative 2020/2021

Il volantino con tutte le proposte diocesane per catechisti, educatori e giovani dagli 11 ai 30 anni.

SCARICA IL VOLANTINO

SCARICA LA NUOVA APP “Salì in una barca”

Abbiamo pensato di fare un “passo nel futuro” ed essere più vicini agli educatori con uno strumento a portata di mano e di equipe, evolvendo dall’idea dell’agenda cartacea (che ci ha accompagnato in questi anni) ad un’App.

SCOPRI DI PIÙ

DOCUMENTI DEL SINODO

LEGGI QUI

Cosa vai cercando?

News

ora-penso-featured

Mentre le comunità hanno iniziato a pensare e a progettare le attività di oratorio per bambini e ragazzi per la prossima estate, abbiamo pensato di offrire due serate che siano di riflessione, di ispirazione e di orientamento. 

CATECHESI DEL VESCOVO COI GIOVANI news

Il vescovo Massimo desidera giocarsi in prima persona nella formazione e nell’incontrare personalmente i giovani:

Ritiro quaresima 2021_GIOVANI_l

Ci sono novità riguardo il Ritiro Spirituale di Quaresima per i giovani.
A causa dell’incertezza della situazione abbiamo pensato ad alcune modifiche.

Restiamo
in contatto

Iscriviti alla Newsletter

Resta aggiornato su tutte le attività della Bottega di Nazareth e degli eventi in Diocesi dedicati alla fascia 0-30 anni!




    LITURGIA
    DEL GIORNO

    Titolo

    Contenuto

    Riviste
    consigliate

    Per crescere e aggiornarsi

    NPG-img
    vocazioni-img
    facebook
    facebook
    instagram
    youtube
    giovedì 29 Luglio 2021

    Messa del Giorno

    SANTA MARTA – memoria

    Grandezza Testo A A A
    Colore Liturgico Bianco

    Antifona

    Gesù entrò in un villaggio e una donna, di nome Marta,
    lo ospitò nella sua casa. (Cf. Lc 10,38)

    Colletta

    Dio onnipotente ed eterno,
    il tuo Figlio ha accettato l’ospitalità nella casa di santa Marta:
    per sua intercessione concedi a noi
    di servire fedelmente Cristo nei fratelli,
    per essere accolti da te nella dimora del cielo.
    Per il nostro Signore Gesù Cristo.
     

    Prima Lettura

    Se ci amiamo gli uni gli altri, Dio rimane in noi.

    Dalla prima lettera di san Giovanni apostolo
    1 Gv 4,7-16

    Carissimi, amiamoci gli uni gli altri, perché l'amore è da Dio: chiunque ama è stato generato da Dio e conosce Dio. Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore.
    In questo si è manifestato l'amore di Dio in noi: Dio ha mandato nel mondo il suo Figlio unigenito, perché noi avessimo la vita per mezzo di lui.
    In questo sta l'amore: non siamo stati noi ad amare Dio, ma è lui che ha amato noi e ha mandato il suo Figlio come vittima di espiazione per i nostri peccati.
    Carissimi, se Dio ci ha amati così, anche noi dobbiamo amarci gli uni gli altri. Nessuno mai ha visto Dio; se ci amiamo gli uni gli altri, Dio rimane in noi e l'amore di lui è perfetto in noi. In questo si conosce che noi rimaniamo in lui ed egli in noi: egli ci ha donato il suo Spirito.
    E noi stessi abbiamo veduto e attestiamo che il Padre ha mandato il suo Figlio come salvatore del mondo. Chiunque confessa che Gesù è il Figlio di Dio, Dio rimane in lui ed egli in Dio. E noi abbiamo conosciuto e creduto l'amore che Dio ha in noi.
    Dio è amore; chi rimane nell'amore rimane in Dio e Dio rimane in lui.

    Parola di Dio.

    Salmo Responsoriale
    Dal Sal 33 (34)

    R. Gustate e vedete com'è buono il Signore.

    Benedirò il Signore in ogni tempo,
    sulla mia bocca sempre la sua lode.
    Io mi glorio nel Signore:
    i poveri ascoltino e si rallegrino. R.

    Magnificate con me il Signore,
    esaltiamo insieme il suo nome.
    Ho cercato il Signore: mi ha risposto
    e da ogni mia paura mi ha liberato. R.

    Guardate a lui e sarete raggianti,
    i vostri volti non dovranno arrossire.
    Questo povero grida e il Signore lo ascolta,
    lo salva da tutte le sue angosce. R.

    L'angelo del Signore si accampa
    attorno a quelli che lo temono, e li libera.
    Gustate e vedete com'è buono il Signore;
    beato l'uomo che in lui si rifugia. R.

    Temete il Signore, suoi santi:
    nulla manca a coloro che lo temono.
    I leoni sono miseri e affamati,
    ma a chi cerca il Signore non manca alcun bene. R.

    Acclamazione al Vangelo

    Alleluia, alleluia.

    Io sono la luce del mondo, dice il Signore;
    chi segue me, avrà la luce della vita.  (Cf. Gv 8,12)

    Alleluia.
     

    Vangelo

    Io credo che sei il Cristo, il Figlio di Dio.

    Dal Vangelo secondo Giovanni
    Gv 11,19-27

    In quel tempo, molti Giudei erano venuti da Marta e Maria a consolarle per il fratello. Marta dunque, come udì che veniva Gesù, gli andò incontro; Maria invece stava seduta in casa.
    Marta disse a Gesù: «Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto! Ma anche ora so che qualunque cosa tu chiederai a Dio, Dio te la concederà».
    Gesù le disse: «Tuo fratello risorgerà». Gli rispose Marta: «So che risorgerà nella risurrezione dell'ultimo giorno».
    Gesù le disse: «Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore, vivrà; chiunque vive e crede in me, non morirà in eterno. Credi questo?». Gli rispose: «Sì, o Signore, io credo che tu sei il Cristo, il Figlio di Dio, colui che viene nel mondo».

    Parola del Signore.

    Oppure:

    Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose.

    Dal Vangelo secondo Luca
    Lc 10,38-42

    In quel tempo, mentre erano in cammino, Gesù entrò in un villaggio e una donna, di nome Marta, lo ospitò.
    Ella aveva una sorella, di nome Maria, la quale, seduta ai piedi del Signore, ascoltava la sua parola. Marta invece era distolta per i molti servizi.
    Allora si fece avanti e disse: «Signore, non t'importa nulla che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti». Ma il Signore le rispose: «Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c'è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta».

    Parola del Signore.

    Sulle offerte

    O Signore, proclamando le meraviglie
    che hai operato in santa Marta, umilmente ti preghiamo:
    come ti fu gradita la sua premurosa dedizione d’amore,
    così ti sia accetto il nostro servizio sacerdotale.
    Per Cristo nostro Signore.

    Antifona alla comunione

    Disse Marta a Gesù: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente,
    colui che viene nel mondo». (Cf. Gv 11,27)

    Dopo la comunione

    La comunione al Corpo e al Sangue del tuo Figlio unigenito
    ci liberi, o Signore, dagli affanni delle cose che passano,
    perché, sull’esempio di santa Marta,
    progrediamo sulla terra in un sincero amore per te
    e godiamo senza fine della tua visione nel cielo.
    Per Cristo nostro Signore.