Una rubrica di racconti,
incontri e viaggi.

VAI ALLA PUNTATA DI QUESTA SETTIMANA

ULTIME NEWS

ULTIME NEWS

Iscrizioni attive 2020/2021

In questa pagina trovi tutte le iscrizioni aperte in questo momento.

Iscriviti qui!

Non è costui il carpentiere?

Scopri la Bottega di Nazareth

Gesù ha salvato il mondo proprio abitando l’ordinario di Nazareth, in una vita così semplice e umana da non esserci “nulla da raccontare”.
Entriamo tutti nella Bottega di Nazareth, dove si costruisce l’umano e dove idealmente sono raccolti, per lasciarsi ispirare da questo mistero affascinante, tutti i progetti educativi diocesani che riguardano la fascia 0-30 anni della Chiesa di Reggio Emilia e Guastalla.

Scopri di più

PREVENZIONE COVID_19

Protocollo, linee guida e modulistica per attività pastorali.

SCOPRI DI PIÙ

Proposte formative 2020/2021

Il volantino con tutte le proposte diocesane per catechisti, educatori e giovani dagli 11 ai 30 anni.

SCARICA IL VOLANTINO

SCARICA LA NUOVA APP “Salì in una barca”

Abbiamo pensato di fare un “passo nel futuro” ed essere più vicini agli educatori con uno strumento a portata di mano e di equipe, evolvendo dall’idea dell’agenda cartacea (che ci ha accompagnato in questi anni) ad un’App.

SCOPRI DI PIÙ

DOCUMENTI DEL SINODO

LEGGI QUI

Cosa vai cercando?

News

ora-penso-featured

Mentre le comunità hanno iniziato a pensare e a progettare le attività di oratorio per bambini e ragazzi per la prossima estate, abbiamo pensato di offrire due serate che siano di riflessione, di ispirazione e di orientamento. 

CATECHESI DEL VESCOVO COI GIOVANI news

Il vescovo Massimo desidera giocarsi in prima persona nella formazione e nell’incontrare personalmente i giovani:

Ritiro quaresima 2021_GIOVANI_l

Ci sono novità riguardo il Ritiro Spirituale di Quaresima per i giovani.
A causa dell’incertezza della situazione abbiamo pensato ad alcune modifiche.

Restiamo
in contatto

Iscriviti alla Newsletter

Resta aggiornato su tutte le attività della Bottega di Nazareth e degli eventi in Diocesi dedicati alla fascia 0-30 anni!




    LITURGIA
    DEL GIORNO

    Titolo

    Contenuto

    Riviste
    consigliate

    Per crescere e aggiornarsi

    NPG-img
    vocazioni-img
    facebook
    facebook
    instagram
    youtube
    giovedì 24 Giugno 2021

    Messa del Giorno

    Grandezza Testo A A A
    Colore Liturgico Bianco

    Antifona

    Venne un uomo mandato da Dio: il suo nome era Giovanni.
    Egli venne come testimone per dare testimonianza alla luce
    e preparare al Signore un popolo ben disposto. (Gv 1,6-7; Lc 1, 17)

    Colletta

    O Dio, che hai suscitato san Giovanni Battista
    per preparare a Cristo Signore un popolo ben disposto,
    concedi alla tua Chiesa la gioia dello Spirito,
    e guida tutti i credenti sulla via della salvezza e della pace.
    Per il nostro Signore Gesù Cristo.

    Prima Lettura

    Ti renderò luce delle nazioni.

    Dal libro del profeta Isaìa
    Is 49, 1-6

    Ascoltatemi, o isole,
    udite attentamente, nazioni lontane;
    il Signore dal seno materno mi ha chiamato,
    fino dal grembo di mia madre ha pronunciato il mio nome.
    Ha reso la mia bocca come spada affilata,
    mi ha nascosto all'ombra della sua mano,
    mi ha reso freccia appuntita,
    mi ha riposto nella sua farètra.
    Mi ha detto: «Mio servo tu sei, Israele,
    sul quale manifesterò la mia gloria».
    Io ho risposto: «Invano ho faticato,
    per nulla e invano ho consumato le mie forze.
    Ma, certo, il mio diritto è presso il Signore,
    la mia ricompensa presso il mio Dio».
    Ora ha parlato il Signore,
    che mi ha plasmato suo servo dal seno materno
    per ricondurre a lui Giacobbe
    e a lui riunire Israele
    - poiché ero stato onorato dal Signore
    e Dio era stato la mia forza -
    e ha detto: «È troppo poco che tu sia mio servo
    per restaurare le tribù di Giacobbe
    e ricondurre i superstiti d'Israele.
    Io ti renderò luce delle nazioni,
    perché porti la mia salvezza
    fino all'estremità della terra».

    Parola di Dio

    Salmo Responsoriale
    Dal Sal 138 (139)

    R. Io ti rendo grazie: hai fatto di me una meraviglia stupenda.

    Signore, tu mi scruti e mi conosci,
    tu conosci quando mi siedo e quando mi alzo,
    intendi da lontano i miei pensieri,
    osservi il mio cammino e il mio riposo,
    ti sono note tutte le mie vie. R.
     
    Sei tu che hai formato i miei reni
    e mi hai tessuto nel grembo di mia madre.
    Io ti rendo grazie:
    hai fatto di me una meraviglia stupenda. R.
     
    Meravigliose sono le tue opere,
    le riconosce pienamente l'anima mia.
    Non ti erano nascoste le mie ossa
    quando venivo formato nel segreto,
    ricamato nelle profondità della terra. R.

    Seconda Lettura

    Giovanni aveva preparato la venuta di Cristo.Dagli Atti degli Apostoli
    At 13, 22-26

    In quei giorni, [nella sinagoga di Antiòchia di Pisìdia,] Paolo diceva:
    «Dio suscitò per i nostri padri Davide come re, al quale rese questa testimonianza: "Ho trovato Davide, figlio di Iesse, uomo secondo il mio cuore; egli adempirà tutti i miei voleri".
    Dalla discendenza di lui, secondo la promessa, Dio inviò, come salvatore per Israele, Gesù. Giovanni aveva preparato la sua venuta predicando un battesimo di conversione a tutto il popolo d'Israele.
    Diceva Giovanni sul finire della sua missione: "Io non sono quello che voi pensate! Ma ecco, viene dopo di me uno, al quale io non sono degno di slacciare i sandali".
    Fratelli, figli della stirpe di Abramo, e quanti fra voi siete timorati di Dio, a noi è stata mandata la parola di questa salvezza».

    Parola di Dio

    Acclamazione al Vangelo

    Alleluia, alleluia.

    Tu, bambino, sarai chiamato profeta dell'Altissimo
    perché andrai innanzi al Signore a preparargli le strade. (Lc 1, 76)

    Alleluia.

    Vangelo

    Giovanni è il suo nome.

    Dal Vangelo secondo Luca
    Lc 1, 57-66.80

    Per Elisabetta si compì il tempo del parto e diede alla luce un figlio. I vicini e i parenti udirono che il Signore aveva manifestato in lei la sua grande misericordia, e si rallegravano con lei.
    Otto giorni dopo vennero per circoncidere il bambino e volevano chiamarlo con il nome di suo padre, Zaccarìa. Ma sua madre intervenne: «No, si chiamerà Giovanni». Le dissero: «Non c'è nessuno della tua parentela che si chiami con questo nome».
    Allora domandavano con cenni a suo padre come voleva che si chiamasse. Egli chiese una tavoletta e scrisse: «Giovanni è il suo nome». Tutti furono meravigliati. All'istante gli si aprì la bocca e gli si sciolse la lingua, e parlava benedicendo Dio.
    Tutti i loro vicini furono presi da timore, e per tutta la regione montuosa della Giudea si discorreva di tutte queste cose. Tutti coloro che le udivano, le custodivano in cuor loro, dicendo: «Che sarà mai questo bambino?». E davvero la mano del Signore era con lui.
    Il bambino cresceva e si fortificava nello spirito. Visse in regioni deserte fino al giorno della sua manifestazione a Israele.

    Parola del Signore

    Sulle offerte

    Deponiamo sul tuo altare, o Signore, i nostri doni
    nel gioioso ricordo della nascita di san Giovanni Battista,
    che annunciò la venuta
    e indicò la presenza del Salvatore del mondo.
    Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

     

    Antifona alla comunione

    Grazie alla tenerezza e misericordia del nostro Dio,
    verrà a visitarci un sole che sorge dall’alto. (Cf. Lc 1,78)
     
     

    Dopo la comunione

    O Signore, che ci hai nutriti alla cena dell’Agnello,
    concedi alla tua Chiesa,
    in festa per la nascita di san Giovanni Battista,
    di riconoscere come autore della propria rinascita il Messia,
    di cui egli annunciò la venuta nel mondo.
    Per Cristo nostro Signore.
     

    Colore Liturgico Bianco

    Antifona

    GSarà grande davanti al Signore,
    sarà colmato di Spirito Santo fin dal seno di sua madre:
    molti si rallegreranno della sua nascita. (Lc 1,15.14)

    Colletta

    Dio onnipotente,
    concedi alla tua famiglia di camminare sulla via della salvezza
    e di andare con serena fiducia,
    sotto la guida di san Giovanni il Precursore,
    incontro al Messia da lui predetto,
    Gesù Cristo Signore nostro.
    Egli è Dio, e vive e regna con te.
     
     

    Prima Lettura

    Prima di formarti nel grembo materno, ti ho conosciuto.

    Dal libro del profeta GeremiÌa
    Ger 1, 4-10

    Nei giorni del re Giosia mi fu rivolta questa parola del Signore:
    «Prima di formarti nel grembo materno, ti ho conosciuto, prima che tu uscissi alla luce, ti ho consacrato; ti ho stabilito profeta delle nazioni».
    Risposi: «Ahimè, Signore Dio! Ecco, io non so parlare, perché sono giovane».
    Ma il Signore mi disse: «Non dire: “Sono giovane”. Tu andrai da tutti coloro a cui ti manderò e dirai tutto quello che io ti ordinerò. Non aver paura di fronte a loro, perché io sono con te per proteggerti». Oracolo del Signore.
    Il Signore stese la mano e mi toccò la bocca, e il Signore mi disse: «Ecco, io metto le mie parole sulla tua bocca. Vedi, oggi ti do autorità sopra le nazioni e sopra i regni per sradicare e demolire, per distruggere e abbattere, per edificare e piantare».

    Parola di Dio.

     

    Salmo Responsoriale

    Dal Sal 70 (71)

    R. Dal grembo di mia madre sei tu il mio sostegno.

    In te, Signore, mi sono rifugiato,
    mai sarò deluso.
    Per la tua giustizia, liberami e difendimi,
    tendi a me il tuo orecchio e salvami. R.

    Sii tu la mia roccia,
    una dimora sempre accessibile;
    hai deciso di darmi salvezza:
    davvero mia rupe e mia fortezza tu sei!
    Mio Dio, liberami dalle mani del malvagio. R.

    Sei tu, mio Signore, la mia speranza,
    la mia fiducia, Signore, fin dalla mia giovinezza.
    Su di te mi appoggiai fin dal grembo materno,
    dal seno di mia madre sei tu il mio sostegno. R.

    La mia bocca racconterà la tua giustizia,
    ogni giorno la tua salvezza.
    Fin dalla giovinezza, o Dio, mi hai istruito
    e oggi ancora proclamo le tue meraviglie. R.
     

    Seconda Lettura

    Su questa salvezza indagarono e scrutarono i profeti.Dalla prima lettera di san Pietro apostolo
    1Pt 1, 8-12

    Carissimi, voi amate Gesù Cristo, pur senza averlo visto e ora, senza vederlo, credete in lui. Perciò esultate di gioia indicibile e gloriosa, mentre raggiungete la meta della vostra fede: la salvezza delle anime.
    Su questa salvezza indagarono e scrutarono i profeti, che preannunciavano la grazia a voi destinata; essi cercavano di sapere quale momento o quali circostanze indicasse lo Spirito di Cristo che era in loro, quando prediceva le sofferenze destinate a Cristo e le glorie che le avrebbero seguite. A loro fu rivelato che, non per se stessi, ma per voi erano servitori di quelle cose che ora vi sono annunciate per mezzo di coloro che vi hanno portato il Vangelo mediante lo Spirito Santo, mandato dal cielo: cose nelle quali gli angeli desiderano fissare lo sguardo.

    Parola di Dio.

     

    Acclamazione al Vangelo

    Alleluia, alleluia.

    Venne per rendere testimonianza alla luce
    e preparare al Signore un popolo ben disposto. (Cf. Gv 1, 7; Lc 1, 17)

    Alleluia.

    Vangelo

    Ti darà un figlio e tu lo chiamerai Giovanni.

    Dal Vangelo secondo Luca
    Lc 1, 5-17

    Al tempo di Erode, re della Giudea, vi era un sacerdote di nome Zaccaria, della classe di Abia, che aveva in moglie una discendente di Aronne, di nome Elisabetta. Ambedue erano giusti davanti a Dio e osservavano irreprensibili tutte le leggi e le prescrizioni del Signore. Essi non avevano figli, perché Elisabetta era sterile e tutti e due erano avanti negli anni.
    Avvenne che, mentre Zaccaria svolgeva le sue funzioni sacerdotali davanti al Signore durante il turno della sua classe, gli toccò in sorte, secondo l’usanza del servizio sacerdotale, di entrare nel tempio del Signore per fare l’offerta dell’incenso. Fuori, tutta l’assemblea del popolo stava pregando nell’ora dell’incenso.
    Apparve a lui un angelo del Signore, ritto alla destra dell’altare dell’incenso. Quando lo vide, Zaccaria si turbò e fu preso da timore. Ma l’angelo gli disse: «Non temere, Zaccaria, la tua preghiera è stata esaudita e tua moglie Elisabetta ti darà un figlio, e tu lo chiamerai Giovanni. Avrai gioia ed esultanza, e molti si rallegreranno della sua nascita, perché egli sarà grande davanti al Signore; non berrà vino né bevande inebrianti, sarà colmato di Spirito Santo fin dal seno di sua madre e ricondurrà molti figli d’Israele al Signore loro Dio. Egli camminerà innanzi a lui con lo spirito e la potenza di Elia, per ricondurre i cuori dei padri verso i figli e i ribelli alla saggezza dei giusti e preparare al Signore un popolo ben disposto».

    Parola del Signore.
     

    Sulle offerte

    Accogli, Signore misericordioso,
    i doni che ti offriamo nella solennità di san Giovanni Battista,
    e fa’ che testimoniamo nella coerenza della vita
    il mistero che celebriamo nella fede.
    Per Cristo nostro Signore.
     

    Antifona alla comunione

    Benedetto il Signore, Dio d’Israele,
    perché ha visitato e redento il suo popolo. (Lc 1,68)
     

    Dopo la comunione

    La gloriosa preghiera di san Giovanni Battista
    accompagni, o Padre, il tuo popolo
    nutrito al banchetto eucaristico,
    e gli ottenga la misericordia del tuo Figlio,
    da lui indicato come l’Agnello
    venuto a togliere i peccati del mondo.
    Egli vive e regna nei secoli dei secoli.